LA MODALITA’DI ACQUISTO DELLE NOSTRE VETTURE PUO’ AVVENIRE IN DUE MODALITA’

  • 1) ATTRAVERSO IL CANALE ONLINE
  • 2) PRESSO IL NOSTRO UFFICIO.

 

IL PAGAMENTO PUO’ ESSERE CORRISPOSTO IN CONTANTI ENTRO I LIMITI CONSENTITI PER LEGGE.

ATTRAVERSO BONIFICO BANCARIO A NOI INTESTATO.

A MEZZO ASSEGNO CIRCOLARE A NOI INTESTATO.

IL PAGAMENTO SALVO DIVERSI ACCORDI TRA LE PARTI DEVE ESSERE COMPLETO DEL COSTO DEL PASSAGGIO DI PROPRIETA’.

DAL MOMENTO DEL CONTRATTO DI VENDITA IL CLIENTE HA 30 GIORNI DI CALENDARIO PER RITIRARE LA VETTURA,DOPODICHE’ VERRA’ INVIATA RACCOMANDATA A/R TRAMITE PEC NEL QUALE SI COMUNICA CHE SE NON SI RICEVE RISPOSTA ENTRO I 7 GIORNI DI CALENDARIO SUCCESSIVI,VERRA’ APPLICATA LA CAPARRA “PENITENZIALE”DISCIPLINATA DALL’ART.1386 C.C.MEGLIO DI SEGUITO SPECIFICATA.

Una volta stipulato il patto di caparra, i contraenti si riservano la facoltà di scegliere tra il recesso e l’adempimento.

Nel primo caso, ex art. 1386 c.c., se il recedente è colui che ha versato la caparra penitenziale, l’effetto scaturente è quello di perdere la somma anticipatamente versata; viceversa, se il recedente è la parte che ha ricevuto la caparra, questi deve restituire il doppio della somma o della quantità di cose fungibili ricevute, alla parte adempiente.

Qualora invece il recesso non venga azionato e le parti danno esecuzione al contratto, la caparra perde la propria funzione “penitenziale” e conseguentemente deve essere restituita, ovvero imputata quale corrispettivo della prestazione dedotta in contratto.

        PER QUALSIASI CONTROVERSIA E’ COMPETENTE IL FORO DI FROSINONE.